Francesca D'Urbano Website

Category Archives: Only 90 Days

Posted:
Feb 1, 2011
Categories:
Comments:

Day#31

Posted: February 1, 2011

Quando venni a Ny la prima volta quasi 6 anni fa, con tutta la famiglia Liorni, per le scale di Ralph Lauren io e Martina incrociammo Pierce Brosnan, alias 007.
Sei a Nyc, la città’ e’ grandicella e soprattutto popolatissima, ma incontrare vips non risulta poi così difficile, soprattutto se azzecchi il posto giusto.
Ecco, se fossi nata qualche anno prima, avessi vissuto a Nyc, e fossi passata spesso fuori dall’ Hotel Chelsea, con ogni probabilità’ qualche super vips l’avrei riconosciuto.
L’Hotel Chelsea e’ proprio qui dietro. Oggi in pausa pranzo io e Claudia ci siamo concesse un super bagel (in realtà’ solo io, lei ha optato per una più’ sana suop of the day). Tornando a piedi verso l’ufficio, con un tempo non proprio dei migliori, attraversiamo la strada ed eccolo li.
Da quando e’ stato costruito, nel 1884, ha ospitato spesso per parecchio tempo i più’ grandi artisti del mondo.
Solo per citarne qualcuno tra quelli che mi sarebbe piaciuto incontrare: Mark Twain, Leonard Cohen, Stanley Kubrick, Edith Piaf, Bob Dylan, Janis Joplin, Jimi Hendrix, Madonna, Frida Kahlo, Henri Cartier-Bresson, quest’ultimo fondatore della Magnum, oltre che grande fotografo.

Posted:
Feb 2, 2011
Categories:
Comments:

Day#32

Posted: February 2, 2011

Oggi e’ il Groundhog Day, ossia, il Giorno della Marmotta.
Qualcuno di voi lo ricordera’ per il film “Ricomincio da capo” cosi’ originalmente tradotto dai nostri cinefili.
Ogni anno, il 2 febbraio a Punxsutawney, in Pennsylvania viene osservato il rifugio di una marmotta.
“Se questa emerge e non riesce a vedere la sua ombra perche’ il tempo e’ nuvoloso, l’inverno finira’ presto; se invece vede la sua ombra perché è una bella giornata, si spaventerà e tornerà di corsa nella sua tana, l’inverno continuerà per altre sei settimane.” *
Circa mezzora fa l’evento del 2011: niente ombra per la marmotta.
Thanks, Groundhog.

« If Candlemas Day is bright and clear, there’ll be two winters in the year. »
(Rima Scozzese)

Posted:
Feb 3, 2011
Categories:
Comments:

Day#33

Posted: February 3, 2011

E’ da un paio di giorni che non me ne va una giusta.
Ieri mattina ho fatto uno dei più’ grandi voli della mia vita: metto piede fuori casa e scivolo sul ghiaccio del primo gradino,
scendendo gli altri, uno a uno, di schiena, per finire seduta su uno strato di neve e ghiaccio.
Solo arrivata alla metro mi rendo conto di essermi ferita e che le mie dita sono piene di sangue.
Oggi ovviamente ne soffro tutti i contraccolpi.
Ok. Capita.
Per consolarmi oggi colgo al volo un’offerta sul sito di Body Shop e dato che dovevo da tempo ricomprarmi delle cose, non esito a fare l’ordine.
Per la prima volta in vita mia, sbaglio a selezionare la modalità’ di consegna e spendo 30 dollari in più’ per avere domattina i miei prodotti al muschio bianco.
Mi aspetto un gran weekend.
(Nella foto il Flat Iron Building, così chiamato perché’ la forma ricorda quella di un ferro da stiro. Ci sono passata oggi a pranzo mentre passeggiavo verso uno Starbucks qualsiasi per affogare i miei dispiaceri in qualche muffin ciccione).

Posted:
Feb 4, 2011
Categories:
Comments:

Day#34

Posted: February 4, 2011

Oggi mi sono resa conto che le giornate si stanno allungando e che Nyc e’ bellissima con la neve ma ancora di piu’ con il cielo limpido e l’aria cristallina.
Oggi a lavoro ho conosciuto Thomas Dworzak, fotografo della Magnum per cui sto montando un lavoro sul suo progetto nel Caucaso.
Tedesco, ha vissuto 10 anni in Georgia e oggi, tra una chiacchiera e l’altra, si e’ riso parecchio vedendo le buffe e disturbanti pubblicita’ propagandistiche che girano nel panorama televisivo georgiano.
Per tutta risposta Adrian, il mio boss, ha pensato bene di farmi ricordare l’aria di casa riproponendo a me e a tutto l’ufficio questa.

Posted:
Feb 6, 2011
Categories:
Comments:

Day#35

Posted: February 6, 2011

Posso apprezzare e infine sopportare la neve e il ghiaccio, ma 24 ore ininterrotte di pioggia: pochissimo.
Ne ho approfittato per risistemare la mia stanza, passare l’aspirapolvere e arredarla con un po’ di cose comprate al Flea Market.
Ho iniziato a stendere un semi perfect plan per i giorni a seguire mentre aspetto da circa due ore del fantastico -spero- chinese food.

…e’ arrivato!

Posted:
Feb 6, 2011
Categories:
Comments:

Day#36

Posted: February 6, 2011

Oggi sono stata al Capodanno Cinese, questo e’ l’anno del coniglio 卯.
Fingendomi una fotografa accreditata, sono riuscita ad entrare tra mille cinesi durante la preparazione della parata.
Ho assistito alla Danza del Leone, ho stretto mani a vecchiette cinesi felicissime, ho spiato poliziotti serissimi scattare foto con l’IPhone e sono tornata a casa piena di coriandoli e gadget cinesi.
Ho attraversato anche il Brooklyn Bridge a piedi, in onore di Maggie che ha la febbre alta e che ieri mi raccontava della ricerca che ha fatto per scuola.

E adesso, Super Bowl.

Posted:
Feb 7, 2011
Categories:
Comments:

Day#37

Posted: February 7, 2011

Oggi il post e’ tutto per Maggie, che ha sfiorato i 40°C nei scorsi giorni, e sta guarendo piano piano.
Oggi ho anche avuto la notizia che verra’ a trovarmi tra un mesetto e l’idea di averla scorrazzante per le strade di Nyc mi fa sorridere tantissimo.
Can’t wait Maggie!!!

Posted:
Feb 10, 2011
Categories:
Comments:

Day#39

Posted: February 10, 2011

Quando torno a casa e trovo un pacco (o piu’ di uno) di fronte alla porta, mi sento come mi sentivo da bimba alla vigilia di Natale.
L’euforia nell’aprirli e’ la stessa, con la differenza che stavolta il contenuto l’ho pagato io e che manca l’effetto sorpresa (non considerata la miniatura di dinosauro come gadget dentro la scatola piu’ piccola).
Anche ordinare cibo delivery e’ emozionantissimo, col tipo che ti bussa e ti consegna sorridente una pizza coi pepperoni calda e buonissima dicendoti “Enjoy your meal!”

I love delivery!

Posted:
Feb 11, 2011
Categories:
Comments:

Day#40

Posted: February 11, 2011

In piedi dalle 4.30am.
Tisana calda nella mia nuova mug, Valeriana e 30 Rock, per l’ultima sera da sola.